Barca Pulita – Home

 

In due, su una barca a vela, siamo andati a cercare in mezzo agli oceani quelle isole dove non arriva nessuno, le coste lontane, gli angoli remoti e le nicchie più improbabili del pianeta.

Siamo andati, insomma, nei luoghi dove è difficile arrivare. In 18 anni di navigazione e di ricerca abbiamo visto tante cose. Abbiamo incontrato le balene, abbiamo nuotato con gli squali, abbiamo vissuto con popoli primitivi e gentili, e abbiamo passati mesi sulle isole deserte.

Abbiamo avuto momenti intensi ed altri tristi, ci siamo esaltati come mai avremmo pensato, e ci siamo stancati fino al limite della resistenza. Di certo non ci siamo mai annoiati. Il nostro lavoro è diventato quello di raccontare ciò che scopriamo nel mondo.
Lo raccontiamo con i libri, con i filmati per la televisione, e lo raccontiamo in questo piccolo sito. Se vi interessa schiacciate i bottoni. Non ci sono sponsor nascosti pronti a saltarvi addosso appena vi distraete.

Il sito di Barca Pulita esiste solo per il piacere di raccontare e per la piccola pretesa di contribuire, in minima parte, alla conservazione di qualche angolo del nostro pianeta.


La storia di oggi


Delta del Rufiji - Tanzania

Delta del Rufiji - Tanzania

Delta del Rufiji - Tanzania

Entrare nel delta di un fiume è sempre un’avventura, perché non si sa mai quello che il fondo può riservare. Anche un fiume cartografato come il Rufigi, nel sud della Tanzania, può sempre riservare qualche sorpresa. Durante la seconda guerra mondiale una nave tedesca inseguita da una inglese si rifugiò qui dentro, ma da allora tante cose possono essere cambiate. Poi c’è il problema dei tronchi o di altri detriti portati a valle dalla corrente e che a noi potrebbero creare qualche danno.

Comunque abbiamo tentato. L’acqua è color caffelatte, non si vede assolutamente nulla. Abbiamo aspettato il momento di stanca tra la marea uscente e quella entrante così da poter manovrare meglio.

Intorno a noi c’erano pescatori che con una rete messa verticalmente pescavano i gamberi tigrati.

Delta del Rufiji - Tanzania

Delta del Rufiji - Tanzania

Non abbiamo osato addentrarci più di un paio di miglia nel fiume. Poi abbiamo ancorato e abbiamo proseguito con il gommone.

Sulle rive per parecchio tempo abbiamo solo visto campi coltivati con qualche palafitta al centro. I bambini correvano sulla riva al nostro passaggio e ci facevano segno di fermarci.

Ci siamo fermati al primo villaggio: un pugno di capanne intorno ad una scuola, Il capo villaggio sapeva già tutto di noi e del nostro arrivo. Probabilmente avvertito da qualche tam tam delle canoe. Ci ha offerto dei cocchi e ci ha venduto del miele della foresta. Dentro ci sono ancora le api. Dice che loro per prendere il miele bruciano il favo, per cui le api restano dentro imprigionate.

Sullo spiazzo davanti la scuola i bambini giocano con un pallone fatto di stracci, mentre altri spingono un cerchio di legno.

Promettiamo al maestro una carta della zona da appendere in classe. Stasera verrà a trovarci in barca insieme al capo villaggio. Assaggeranno i nostri spaghetti.